Fondazione di Vignola

Tracce in luce

LE TECNOLOGIE E LA RICERCA RIVELANO I DECORI QUATTROCENTESCHI DELLA ROCCA DI VIGNOLA

Ideazione e progettazione: Natalia Gurgone.

Il progetto, assolutamente innovativo nell’ambito della conoscenza, conservazione promozione del patrimonio storico-artistico, si articola in tre fasi:

Fase 1 - primavera/estate 2014
La Rocca di Vignola è il risultato di diversi interventi costruttivi che segnano le trasformazioni dell’edificio nel corso dei secoli. Tali trasformazioni sono riconoscibili attraverso le numerose tracce che il monumento rivela solo ad un’attenta osservazione diretta e dopo una profonda lettura della sua storia costruttiva. Nel Quattrocento, una vasta superficie affrescata con motivi architettonici e araldici decorava tutte le parti sommitali dell’edificio. Alcune tracce di questi affreschi sono giunte sino ai nostri giorni, seppur poco visibili e persistenti solo in parti esigue dei paramenti.
L’obiettivo del progetto è quello di approfondire lo studio di tali impronte avvalendosi di metodiche e strumentazioni di rilievo, attraverso l’integrazione di due tecniche: un rilievo tridimensionale con laser scanner 3d, per la riproduzione delle grandi superfici dell’edificio, e una documentazione fotografica e video con drone (elicottero radio comandato), per la ripresa dei dettagli delle decorazioni. Quest’ultima tecnica, di recentissimo sviluppo nel settore dei beni culturali, è stata sinora impiegata soprattutto per effettuare rilievi di tipo cartografico in siti archeologici. Nel presente progetto, invece, sarà utilizzata in modo del tutto originale, svolgendo un ruolo fondamentale poiché restituirà immagini fotografiche ad alta risoluzione scattate da un punto di vista privilegiato, prossimo alle parti alte dei paramenti murari, che mai è stato possibile ottenere.
Con i materiali prodotti, unitamente allo studio delle fonti storiche e alla lettura diretta del monumento, si intende approdare alla decodificazione dell’apparato decorativo della Rocca.

Fase 2 - estate/autunno 2014
La presentazione dei risultati degli studi sarà effettuata prefigurando un modello di lavoro in parte originale e atipico che utilizzerà strumenti e percorsi di natura diversa. Oltre ai rilievi 3D foto realistici, si realizzeranno elaborati che illustreranno una ricostruzione grafica (tavole dipinte a mano a grande scala degli apparati decorativi originali) e tematica, basata sulla comparazione fra i motivi ancora visibili come tracce, con i modelli di decorazione presenti nei documenti d’archivio riguardanti la Rocca. I risultati complessivi del lavoro confluiranno in una produzione video da sovrapporre direttamente sulle pareti esterne del monumento, attraverso dei videoproiettori architetturali. In tal modo si realizzerà un vero e proprio restauro virtuale in scala 1:1 che mostrerà l’aspetto delle decorazioni quattrocentesche.

Fase 3 - estate/autunno 2014
Le verifiche sui risultati ottenuti confluiranno in un progetto preliminare di recupero conservativo delle decorazioni. La condivisione dei dati e di tutte le informazioni raccolte nel corso dei lavori (dati, immagini, notizie storico-documentali, ecc.) rappresenteranno la base fondamentale per l’elaborazione del progetto di consolidamento della torre del Pennello e delle sue decorazioni esterne.